Ruota il dispositivo per accedere correttamente ai contenuti del sito.

Organi Sociali

Consiglio d'Amministrazione

  • Il Consiglio d'Amministrazione è composto dal presidente e da dodici amministratori eletti dall'Assemblea Generale dei Soci a maggioranza relativa dei voti. Il presidente del Consiglio d'Amministrazione dura in carica tre esercizi. Gli altri membri del Consiglio d'Amministrazione scadono per un terzo ogni esercizio; la designazione degli uscenti avviene per il primo ed il secondo turno mediante estrazione a sorte ed in seguito per anzianità di carica. Gli uscenti sono rieleggibili. Riconoscendo l'importanza di tale organo, i consiglieri rappresentano in maniera proporzionale tutti i Soci residenti nei paesi del territorio, in modo da garantirne e tutelarne la massima rappresentatività.
  • Il Consiglio d'Amministrazione, nella sua prima riunione, nomina, tra i suoi componenti il vicepresidente.
  • Il Consiglio è investito di tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione della Società, con esclusione di quelli riservati per legge all'Assemblea, e rientra nella sua sfera decisionale la determinazione degli indirizzi generali di gestione; l'approvazione di strategie di sviluppo e le iniziative per lo sviluppo morale e culturale del socio. Tra i vari poteri che lo Statuto gli riconosce vi è quello, come recita l'art. 35 di poter delegare proprie attribuzioni, in materia di erogazione del credito ed in altri ambiti di competenza, ad un Comitato Esecutivo, determinando i limiti della delega.
  •  
  • PRESIDENTEZanon Goffredo
  • VICEPRESIDENTE Dellagiacoma Franco
  • CONSIGLIERIBrigadoi Clotilde, Deflorian Marco, Deflorian Massimiliano, Dellagiacoma Franco, Demarchi Claudio, Gilmozzi Valter, Goss Federico, Lazzeri Mauro, Nones Paolo, Tomasini Luca, Varesco Andrea.

Comitato Esecutivo

  • Il Comitato Esecutivo, di diretta emanazione del Consiglio d'Amministrazione, è composto da quattro consiglieri e dal Presidente del Consiglio. Il Comitato opera con delega del Consiglio d'Amministrazione che può, infatti, riconoscergli, determinate iniziative in materia di erogazione del credito ed in altri ambiti di competenza del Consiglio stesso. Tra i suoi compiti principali vi è il monitoraggio del generale andamento della gestione e la sua prevedibile evoluzione.
  •  
  • PRESIDENTEZanon Goffredo
  • VICEPRESIDENTE Dellagiacoma Franco
  • CONSIGLIERI Gilmozzi Valter, Nones Paolo, Varesco Andrea

Collegio Sindacale

  • Il Collegio Sindacale rappresentando l'organo di controllo della Società, come recita l'art. 43 dello Statuto, vigila sull'osservanza della legge e dello Statuto, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione ed in particolare sull'adeguatezza dell'assetto organizzativo, amministrativo e contabile.
  • Essendo un organo di vigilanza e controllo i loro appartenenti non rientrano nella compagine sociale, e devono essere iscritti nel Registro dei revisori contabili e sono rieleggibili. Alla nomina del Collegio interviene l'Assemblea dei Soci ordinaria che designa il presidente e due sindaci effettivi, e altri due sindaci supplenti.
  • Questi restano in carica tre esercizi e il loro mandato scade alla data della convocazione dell'Assemblea per l'approvazione del Bilancio.
  •  
  • CAPO SINDACODe Zordo Mario
  • SINDACI EFFETTIVIDelladio Carlo, Pallaver Gianfranco
  • SINDACI SUPPLENTICorradini Gabriele, Denardi Lorenzo

Collegio dei Probiviri

  • Il Collegio dei Probiviri è un organo interno della Società.
  • Viene eletto dall'Assemblea dei Soci che ne designa il Presidente, altri due membri e due supplenti liberamente eleggibili.
  • Il Collegio, nella sua composizione, va a rappresentare le tre circoscrizioni territoriali ove è presente la Cassa Rurale di Fiemme.
  • La sua ragion d'essere risiede nella funzione di dirimere le controversie tra socio e Società. Un organo, per così dire, "saggio", che si pronuncia, parole queste dell'art. 45 dello Statuto, sulle delibere del consiglio di amministrazione di rigetto delle domande di ammissione a socio, nonché di perseguire, secondo equità e senza vincolo di fomalità procedurali, la bonaria composizione delle liti che dovessero insorgere fra socio e società.
  • I membri del Collegio rimangono in carica tre anni e sono rieleggibilli.
  •  
  • PRESIDENTERedolf Gianfranco
  • PROBIVIRIDefrancesco Carlo, Cristel Elia